homepage bottone homepage corsi online
Link Chi siamo Link altre attività link articoli e approfondimenti link affinità Link contatti
Link pagina Eventi ./ Link catalogo per collane Link pagina newsletter
Articoli

 

Il leone che giacque con l'agnello

La storia vera di una leonessa vegetariana

Articolo tratto dal sito di Sharon Callahan, per gentile concessione dell'autrice.

Tempo fa, nell'America del 20° secolo, visse una leonessa che si rifiutò di essere violenta. Coloro che si occupavano di lei cercarono di educarla a comportarsi in un modo che ritenevano fosse dettato dalla natura, ma lei rifiutò. Invece, insegnò ai suoi custodi che l'idea che l'uomo ha di cosa sia un comportamento "naturale" in un animale, non corrisponde necessariamente con il modo in cui Dio creò gli animali.

Il profeta Isaia scrisse di un mondo futuro in cui "il leone giacerà con l'agnello". Per molte persone questa è una promessa talmente improbabile che sembra che la natura stessa degli animali debba attraversare un drastico cambiamento prima che la profezia possa avverarsi. Sembra che debbano attraversare una vera metamorfosi per trasformarsi in creature diverse; che, per quanto l'aspetto esteriore possa rimane uguale, la loro struttura interna debba in qualche modo essere modificata. Questo perché, di fatto, crediamo che la biologia sia un destino. Ma la storia di Little Tyke, una leonessa che visse presso il Ranch Hidden Valley in California, ci fornisce la prova del contrario.

Nata da una madre che era stata catturata in natura e imprigionata nella cella di uno zoo per molti anni, sembrava improbabile che Tyke sarebbe sopravvissuta alla sua stessa nascita. Resa gravida per ben cinque volte in sette anni, la feroce madre aveva ucciso tutti i suoi precedenti cuccioli prima che gli inservienti dello zoo fossero riusciti ad avvicinarsi. Questo comportamento non faceva che peggiorare la reputazione della madre di essere un animale particolarmente feroce: un'assassina nata. Forse questa "assassina" uccideva i suoi cuccioli per impedire loro di dover vivere una vita di terrore come la sua. Non poteva impedire ai suoi carcerieri di ingravidarla, ma poteva mandare a monte i loro piani di imprigionare la sua progenie.

Ma nonostante la madre fosse riuscita a strapazzare malamente la sua cucciola, Little Tyke venne salvata e mandata al ranch di Hidden Valley. Visse lì insieme a Georges e Margaret Westbeau per tutta la vita.

Per tutto quel tempo, Tyke insegnò ai Westbeau, e alle migliaia di persone con cui entrò in contatto, che molto di ciò che noi crediamo relativamente alla natura degli animali è il risultato del modo in cui noi stessi li abbiamo trattati. Gli animali hanno imparato a temere, evitare e attaccare gli uomini, che li torturano, imprigionano e uccidono senza alcuna remora o rimorso per l'enorme dolore e sofferenza inflitti alle altre creature di Dio.

Ma al ranch di Hidden Valley, Litlte Tyke venne cresciuta con grande amore e gentilezza. La storia della sua vita venne successivamente raccontata da Georges Westbeau in un libro dedicato alla leonessa gentile (pubblicato in Italia da Impronte di luce).

Le numerose foto contenute nel libro mostrano Little Tyke insieme ad agnelli, cani, gatti, galline e cervi, in una felice convivenza. E le storie che il signor Westbeau racconta sulla vita al ranch sono una lettura affascinante. Ma al di là del fascino e della meraviglia suscitata da questi racconti, si nasconde un profondo senso della "giustezza" che la pace e la non-violenza che regnavano al ranch evocano. È la sensazione che la relazione tra gli uomini e gli animali può e dovrebbe essere diversa da come è oggi.

Ma affinché questo succeda, uomini e donne devono modificare il proprio comportamento: è la ferocia del cuore umano che deve mutare. Non dobbiamo aspettare che Dio trasformi gli animali "selvaggi" in degli esseri diversi perché essi possano vivere in pace e in armonia con l'umanità. E niente nel libro di Westbeau rende questo fatto più chiaro dell'insistenza di Tyke a vivere una vita vegetariana.

Fu un'insistenza che i suoi custodi cercarono di sconfiggere per quattro anni. Convinti della giustezza delle teorie scientifiche che dicono che un leone muore se non mangia carne, i Westbeau tentarono ogni possibile sotterfugio per indurla a diventare carnivora. Ma Tyke non cedeva. E nonostante il fatto che la scienza avesse dichiarato che il sistema di un leone è programmato per mangiare carne, e che sarebbe morta senza di essa, Little Tyke continuò a vivere.

Non solo sopravvisse, bensì fiorì e prosperò con la sua dieta vegetariana, trasformandosi nell'esemplare di leonessa più sano che si fosse mai visto. Eppure, ci vollero quattro anni perché i Westbeau smettessero di cercare dei modi per indurla a diventare carnivora. Ma, alla fine, fu una frase della Bibbia ad acquietare la loro mente riguardo alla salute e alla dieta di Tyke.

Successe dopo che l'ennesimo esperto era stato interpellato per sapere se conocesse una qualche miscela contenente carne che la leonessa potesse essere persuasa a mangiare. Westbeau scrive che l'uomo con cui parlò «si voltò e mi guardò con sguardo serio, e mi chiese "Non legge la Bibbia?" Confessai che non la leggevo quanto probabilmente avrei dovuto. Egli proseguì: «Legga Genesi 1:30 e avrà la sua risposta».

L'autore prosegue riferendo di come fosse andato a consultare quel verso delle scritture e «con mia grande sorpresa, lessi queste parole: “A ogni animale della terra, a ogni uccello del cielo e a tutto ciò che si muove sulla terra e ha in sé un soffio di vita, io do ogni pianta verde per nutrimento. E così fu"». Dopo di questo, Georges riferisce: «Non ci preoccupammo più della dieta di Little Tyke».

A dispetto della convinzione che la biologia sia destino e che gli animali, in particolare, si comportino in base a degli istinti di fondo che non possono essere alterati (se non, forse, geneticamente), la vita di Little Tyke sfida questi "fatti" scientifici. E lo stesso capitolo della Genesi che permise ai Westbeau di accettare il vegetarianesimo di Tyke, ci dice anche che gli esseri umani e non umani sono stati creati non-violenti. Ci dice di come Dio abbia immesso il soffio della vita in essi e successivamente abbia definito tutte le creature come riflesso della bontà e dell'amore nei quali erano state create. «E Dio vide tutto ciò che aveva fatto, ed ecco, era molto buono.»

Ma per la maggior parte, persino i "credenti" ignorano la spiegazione contenuta nelle scritture sulla natura della creazione e scelgono di credere alla spiegazione scientifica che la violenza sia programmata all'interno degli uomini come degli animali. Questa è una convinzione comoda. Significa che non c'è nulla che noi, che viviamo nel presente, possiamo fare per preparare la strada per un mondo profetico. Dopo tutto, fino a che Dio non trasforma le creature feroci in esseri mansueti, non può esistere alcun Regno Pacifico. Ma nell'America del 20° secolo, al ranch di Hidden Valley in California, ci fu un luogo nel quale amore e compassione regnavano, e grazie a questo, la leonessa poté giacere al fianco dell'agnello.

E al fianco anche di numerose altre creature, fra cui la specie più pericolosa di tutte: Homo sapiens.

Il libro "Little Tyke" è disponibile nel catalogo dell'editore Impronte di luce: link catalogo

link scheda autore Sharon Callahan   
(traduzione di Elena Grassi)

Torna all'elenco degli articoli
Torna alla link homepage Torna in link alto