homepage bottone homepage corsi online
Link Chi siamo Link altre attività link articoli e approfondimenti link affinità Link contatti
Link pagina Eventi ./ Link catalogo per collane Link pagina newsletter
Scheda libro

 

L'ultimo dono

Percorsi interiori per accompagnare consapevolmente il nostro animale alla fine della vita

Collana: Ponte arcobaleno - Vol. 2


Autore: Stefano Cattinelli
link scheda autore

Formato: 14x21cm
Nr. pagine: 72, ill. b/n
Legatura: brossura

Codice ISBN: 978-88-95946-18-4
Data di pubblicazione: luglio 2014

Prezzo: € 12,00

ATTENZIONE: QUESTO LIBRO è LA RIEDIZIONE DI:
L'EUTANASIA DEL CANE E DEL GATTO, vero un accompagnamento consapevole
(ISBN 978-88-95946-05-4). Il contenuto è identico.

 

Dal retrocopertina

La morte dell’animale amato può essere un evento sconvolgente. Ma se la persona decide di non subirlo, bensì di diventarne protagonista, facendosi pienamente consapevole dei propri moti interiori e dei pensieri che li accompagnano, potrà tramutare tale evento in una grande occasione di crescita e trasformazione – una sorta di iniziazione – scoprendo in sé la forza di offrire al proprio amico l’ultimo gesto d’amore: la libertà di morire secondo i suoi propri tempi… l’unica, vera, “buona morte”.

Questo volumetto, sottile ma "denso", è la seconda opera di Stefano Cattinelli, veterinario olistico, precedentemente pubblicata col il titolo "L'eutanasia del cane e del gatto".

*******

Dopo il suo primo libro "Amici fino in fondo", pubblicato da AAm Terranuova nel 2005, Stefano Cattinelli, ci offre un ulteriore percorso di approfondimento del tema della morte dei nostri amici animali e di come confrontarci con essa.

Leggi il sommario link sommario
Leggi l'introduzione link sommario
Vai alla scheda dell'autore link scheda autore

 

I commenti dei lettori

«Il commento è molto positivo; il testo si legge per la prima volta molto velocemente anche perchè si cercano risposte immediate a domande che sono rimaste in sospeso.
Ad una lettura più serena allora si colgono importanti considerazioni anche per chi, come me, non ha mai pensato all' eutanasia per il proprio amico ed invece nell' arco di 10 minuti lo ha dovuto sopprimere.
Un viziatissimo pastore tedesco, il mio cucciolo Book, di 12 anni con problemi alle zampe posteriori (ci convivevamo con l'aiuto di antidolorifici) nel bel mezzo di una nottata domenicale (non si trovava un veterinario per le urgenze notturne)ha avuto una torsione dello stomaco. La diagnosi del veterinario reperito per .....Fortuna???? (che comunque aveva già avuto a che fare con Book sia per il tatuaggio e sia per i primissimi vaccini)mi ha detto che non c'erano alternative: l'unica soluzione l' eutanasia.
Book non respirava ed io (tra l' altro incinta di quasi 4 mesi e che dopo la soppressione mi è sparita la pancia) che ero impotente di fronte a quella sofferenza ho acconsentito.
Con l'anestesia si è addormentato tra le mie mani e poi l'iniezione. Da allora il vuoto. I miei genitori d'accordo con il veterinario immediatamente lo hanno caricato sul furgone per lo "smaltimento" (come dicono loro per evitare che io rimanessi con lui nel mio stato). Ed allora ecco le tante domande: non si è ribellato al veterinario perchè era stremato o perchè ancora si fidava di me? Dall' iniezione letale dopo quanto il suo cuore ha cessato di battere? E' stata la scelta giusta o l'egoismo di farla finita nel più breve tempo possibile per non vedere quello strazio? Certo non aver più Book (sono quasi tre mesi) è dura e non c'è libro, manuale o chichessia che ti distolga (mia madre mi dice sempre "piangerai per me come piangi per Book?").
Io non so se lui abbia sentito tutto il mio profondo bene e amore anche in quell'attimo. Io volevo che lui morisse libero come libero del resto lo è stato in tutta la sua esistenza. Ma le cose hanno preso una piega diversa ed io "ho deciso". Ed è certo che lo ringrazio, per sempre, per un affetto incondizionato che percepivo anche quando eravamo distanti mille chilometri. Questa volta però serenamente "lo lascio andare". Una cosa molto curiosa è che un mese dopo e precisamente il 28 luglio (lui è morto il 28 giugno intorno alle due) sogno lui ed io che lo accarezzo come accadeva nella nostra convivenza. Poi Book sparisce ed al suo posto compare un bambino. Mi sono svegliata erano all' incirca le 4,00 ed ero serena. A dicembre avrò Francesco Leon.
In conclusione gli autori che parlano degli uomini in sintonia con gli animali, del forte legame e delle intense emozioni che si vivono con il proprio amico, anche se purtroppo non sono recepiti dai molti, per i pochi esprimono una sensibilità che gli è propria e che conoscono perfettamente. Ho fatto un ottimo acquisto.»
Sabrina Paggi, 13.09.2010

«Abbiamo finito di leggere i libri "basta vaccini " e "l'eutanasia nel cane e nel gatto".
Sono stati due libri molto formativi e che ci hanno spinto a vivere il rapporto con i nostri amici a quattro zampe in modo più maturo e profondo.
Sul discorso vaccini ne abbiamo parlato con la nostra veterinaria e abbiamo trovato grande disponibilità da parte sua a informarsi sull'argomento.
Ringraziamo per l'ottimo lavoro informativo e soprattutto formativo.»
Claudia e Rocco, 1.11.2010

 

Torna alla link homepage Torna in link alto